di Andrea Dotta

Il giallo è energia, è gioia, è vita!

Ma se si esagera il concetto in alcuni casi può diventare Euforia e Follia!

Andiamo a vedere alcune storie che stanno in bilico tra questi due significati!

Ma prima se sei un artista e vuoi capire al 100% come usare i colori, dai uno sguardo a questa lista di libri incredibili! –> 5 libri sul Colore per Fumettisti, Concept Artist e Illustratori

Cominciamo!

1 L’IMPERATORE GIALLO

 

Le quattro facce dello storico Imperatore Giallo (Italiano) | Shen ...

Nella cultura Cinese tutto nacque da lui, Huang Di “l’imperatore Giallo!”
Fu’ colui che nel XXVI° secolo AC diede inizio alla civiltà Cinese secondo alcuni libri antichi… oppure è un personaggio mitologico inventato nell’antichità. Ci sono varie diatribe sulla sua esistenza.

COMUNQUE L’imperatore giallo visse poco oltre cento anni.

Gli è riconosciuto il merito di aver concepito e realizzato un primo regno centralizzato. Per questi motivi è considerato l’antenato di tutti gli Han e il padre spirituale di ogni cinese.

Le dinastie si sarebbero alternate e sostituite, la politica imperiale ed il paese avrebbero trascorso periodi di grande splendore culturale e momenti di profonda crisi. Tuttavia, nonostante l’epoca imperiale gialla sia lontana nel tempo, l’impostazione socio-culturale cinese risente tuttora della condotta illuminata di Huang Di.

2 MATITE GIALLE?
 

Molte matite, in Italia e nel mondo, sono gialle.

Lo sono per via di un’iniziativa imprenditoriale fatta alla fine del Diciannovesimo secolo da un’azienda ceca, che fu poi copiata da tanti concorrenti, al punto che – ancora oggi, più di cento anni dopo – il giallo continua a essere il colore di tantissime matite che si trovano sul mercato.

La storia delle matite gialle inizia nel 1889 a Parigi, durante l’Esposizione universale, comprensibilmente più nota per l’inaugurazione della Torre Eiffel.

Matite: perchè sono verniciate di giallo? | XXI SECOLO 

Come spiegano il sito Pencils.com e il professore Henry Petroski nel suo libro sulla storia delle matite, le matite esistevano da un paio di secoli prima della Torre Eiffel. Moltissime erano fatte con una grafite proveniente da Regno Unito che veniva inserita nel legno: di solito le matite venivano vendute grezze, color legno, ma se questo conteneva evidenti imperfezioni, venivano colorato all’esterno, in genere con colori scuri.  

Verso la fine del Diciannovesimo secolo fu però scoperta in Siberia orientale una grande riserva di grafite, di qualità migliore rispetto a quella inglese, che tra l’altro andava esaurendosi. Tra chi puntò su quella nuova grafite siberiana c’era l’azienda ceca Hardtmuth, che per promuovere all’Esposizione universale le sue matite con una nuova grafite decise di cambiare anche l’aspetto esteriore del legno, verniciandolo di giallo. 

Hardtmuth scelse il giallo perché era un colore che in Siberia, e ancor più Cina e in Oriente, era associato alla regalità e al lusso. Per aggiungere un ulteriore tono di esoticità ed esclusività, Hardtmuth Pencil scelse per la sua nuova linea di matite il nome Koh-I-Noor: lo stesso nome di un famoso diamante. Le nuove matite gialle, con la grafite siberiana e il nome di un diamante furono un successo, al punto che l’azienda cambiò il suo nome in Koh-I-Noor Hardtmuth.

Le aziende concorrenti finirono quindi per seguire la strada aperta da Koh-I-Noor Hardtmuth, producendo a loro volta matite gialle e dai nomi orientali. Per far capire quanto le matite gialle siano state associate alla qualità, il sito Artsy cita un esperimento in cui a un gruppo di persone vennero date matite gialle e verdi, identiche per quanto riguarda la grafite e diverse solo nel colore esterno del legno.

Le persone parlarono in genere bene delle matite gialle, lamentandosi invece della scarsa qualità di quelle verdi.

3 VAN GOGH SE LO MANGIAVA?

 

Il giallo cromo, a base di cromato di piombo, si può considerare una sorta di firma pittorica che caratterizza i dipinti di Van Gogh, come i Girasoli o La camera di Arles.

9 cose che (forse) non sai su Van Gogh - Focus.it

Alcuni dicono che Van Gogh andasse così pazzo per il giallo da arrivare a mangiare il colore direttamente dai tubetti di vernice nella convinzione che così avrebbe portato la felicità dentro di lui.

Si sa, Vincent non era una persona particolarmente equilibrata e pare che in parte le cause della sua instabilità fossero derivate da alcuni colori altamente tossici che utilizzava.

Inoltre pochi sanno che Van Gogh era affetto da xantopsia, una distorsione della percezione che gli faceva vedere il mondo intorno più giallo della realtà e questo spiegherebbe l’ossessione per il colore che caratterizzava i suoi quadri.  

Quindi ci vedeva male e si mangiava i colori velenosi.
Era già folle o è impazzito dopo a causa delle tossine ingerite?

Mah…
 

Spero l’articolo sia stato di tuo gradimento.

Andrea

Andrea Dotta
Andrea Dotta

Owner and Founder di Colorazionedigitale.it
Classe 1989, inizia la sua carriera a 21 anni lavorando come Colorista e Disegnatore Professionista in ambito di Fumetto e Illustrazione.

Si distingue per i suoi lavori in collaborazione con Disney Egmont, Lego e Tatailab, contando anche i suoi progetti personali come il fumetto Johnny Dynamic e il primo libro sulla Colorazione Digitale in Italia.

colorazione digitale

VUOI RICEVERE GRATIS 4 VIDEO LEZIONI?

Avrai anche contenuti di approfondimento sulla colorazione digitale!

La tua iscrizione è avvenuta con successo!